Due separati mondi – Murena tradotto da Cristina Campo

Due poesie dell’argentino Héctor Álvarez Murena 

tradotte da Cristina Campo

 in La tigre assenza, poesie di Cristina Campo, Adelphi, 1991*

campocongatto

 

 

 

 

 

 

 

Solo resiste al tempo

quel che si fa

col tempo.

E quello che si fa

con l’eternità?

La poesia viene

quando restiamo

nell’inesauribile

compagnia della solitudine.

Viene come un sùbito

taglio, dove si mischiano

con fredda febbre,

due separati mondi.

//

Chi può guardare due volte

le scarpe di una creatura

qualunque

senza mettersi a piangere?

Dio, col suo sguardo

infinitamente abbattuto

che non si stacca mai

dalle scarpe degli uomini.

 

* Le traduzioni apparvero la prima volta sulla rivista Approdo Letterario, nel 1961. Le poesie cui fanno riferimento sono contenute nella raccolta El escandalo y el fuego, di Héctor Murena.

Lascia un commento