In un riso sconsolato

O ME DONZEL
tratto da “La meglio gioventù” (Sansoni, 1954)
Pier Paolo Pasolini

O me donzel! Jo i nas
ta l’odòur che la ploja
a suspira tai pras
di erba viva….I nas
tal spieli da la roja.

In chel spieli Ciasarsa
coma i pras di rosada
di timp antic a trima.
là sot, jo i vif di dòul,
lontan frut peciadour,

ta un ridi scunfuartat.
O me donzel, serena
la sera a tens la ombrena
tai vecius murs: tal seil
la lus a imbarlumis.

O me giovinetto! Nasco nell’ odore che la pioggia sospira dai prati di erba viva… Nasco nello specchio della roggia. In quello specchio Casarsa come i prati di rugiada trema di tempo antico. Là sotto io vivo di pietà, lontano fanciullo peccatore , in un riso sconsolato. O me giovinetto, serena la sera tinge l’ombra sui vecchi muri: in cielo la luce accesa.

*

[…]

Dire sì, tu sei l’acquaio,
la roggia che sgocciola nel nulla
quel che abbiamo detto o fatto

da soli, senza sapere
se dire di essere per perdersi
o perdersi per essere.

tratto da “Il me donzel” (Boetti, 1999) di Pierluigi Cappello

Lascia un commento