A spasso col fantasma, di Luigi Trucillo

La riposata storia dei trent’anni, in solitudine, verso un sorriso, verso il perdersi tra i capelli di un mattino.

*

A spasso col fantasma, da Navicelle, di Luigi Trucillo, Cronopio, 1995

Bicicletta, coscia, dolce uvetta

di una goccia di sole sulle labbra,

e in questi schizzi che si urtano passando

sono sempre alla ricerca del blu

Lascia un commento