Il Libro dell’amico e dell’amato su La Lettura del 9 ottobre 2016

Il sommo Carlo Rovelli su La Lettura del 9 ottobre 2016, inserto del quotidiano Corriere della Sera, scrive di Ramon Llull «l’eremita che immaginò il computer», colui che nel Medioevo riuscì a immaginare e affrontare «l’infinitamente grande». Nell’articolo cita me e la mia traduzione e curatela di Il libro dell’amico e dell’amato (Ed. Qiqajon, 2016).

lullo_lalettura_9_10_2016-1

lullo_lalettura_9_10_2016-2

Lascia un commento